Archive for agosto, 2017

CONDOMINIO – LISSONE (MB)

L’intervento consiste nella manutenzione straordinaria con “bonifica amianto” e rifacimento del manto di copertura del tetto con pannelli sandwich precoibentati di un edificio condominiale ubicato in Lissone (MB).

Più nel dettaglio la manutenzione straordinaria ha riguardato, oltre alla già citata rimozione delle lastre in cemento/amianto e successiva realizzazione del nuovo manto, anche le lattonerie (cappellotto perimetrale di copertura e scossaline del locale tecnico), il locale tecnico (bonifica degli intonaci e cementi armati e ripristino delle geometrie con intonaco additivo e realizzazione impermeabilizzazione della copertura del volume tecnico) e la fornitura e posa in opera della linea vita a fune EN795 classe C.

Sono inoltre stati eseguiti: il posizionamento delle lattonerie in alluminio colore testa di moro dei colmi diagonali sulle velette esterne; la modifica del cappellotto perimetrale per il nuovo fissaggio della veletta esterna; la modifica e il nuovo fissaggio del palo dell’antenna; la verifica dei canali di rame esistenti con ripristino delle sigillature ove occorrenti; la listellatura di rinforzo nella parte interna del perimetro; lo smontaggio, la carteggiatura e la verniciatura a smalto colore testa di moro dei camini di sfiato esistenti sulla copertura.

VILLA UNIFAMILIARE – MONZA (MB)

Progettazione, direzione lavori e coordinamento della sicurezza relativi alla realizzazione di villa unifamiliare in Monza (MB).

L’intervento in progetto risulta caratterizzato dalla costruzione di un piano interrato realizzato con tecniche tradizionali quali strutture in calcestruzzo armato. A partire invece dalla quota del piano terreno la struttura dell’edificio risulta essere caratterizzata dalla tecnologia “a secco” con struttura portante in legno e X-lam. Il sistema costruttivo per gli edifici e case in legno X-Lam è un sistema a pannelli massicci la cui sperimentazione e commercializzazione inizia nel mercato austriaco e tedesco alla fine degli anni 90. In Italia la diffusione di questo prodotto è avvenuta negli ultimi dieci anni, inizialmente impiegandolo come impalcato per solai di copertura e solai di piano, poi in qualche sporadico caso di costruzione interamente realizzata in legno, un utilizzo più consistente avviene solo a seguito del terremoto dell’Aquila del 2009.  L’X-lam è un sistema costruttivo costituito da pannelli di legno a strati incrociati ed incollati (minimo 3 strati), di spessore e dimensioni molto variabili le cui caratteristiche geometriche dipendono in generale dalle tecnologie delle aziende produttrici ed anche dal dimensionamento statico. Lo spessore minimo di pannello-parete (portante) utilizzato è generalmente di mm 280 per le parteti esterne e 100 mm per le pareti interne (vedi particolari costruttivi). I pannelli portanti in legno vengono poi rivestiti sia internamente che esternamente per realizzare la parete finita. Internamente, la struttura viene completata con un pannello in cementolegno per consentire uno spazio tecnico per il passaggio degli impianti (cavedio), e successivamente con il pannello di finitura interna in cartongesso o gessofibra. Esternamente viene installato un “cappotto” di idoneo spessore dell’isolante in funzione delle prescrizione desunte dal progetto del contenimento energetico; la parete è infine opportunamente protetta attraverso l’installazione di adeguati freni vapore e membrane traspiranti. La finitura esterna della facciata risulta essere caratterizzata da una tinteggiatura di finitura del sistema “a cappotto” di colore bianco-grigio. Il solaio di interpiano è realizzato con un pannello, di opportuno spessore, oppure con travi lamellari e perlinato (il tutto sempre dimensionato in base al calcolo statico); identica tecnologia viene usata anche per i solai di copertura. Le parti in legno sono realizzate sia a vista che rivestite con pannelli in cartongesso o gessofibra. I serramenti sono del tipo basso emissivo con triplo vetro e struttura in legno color marrone, con sitema di oscuramento dall’interno. I parapetti di logge e balconi sono realizzati in vetro trasparente anti sfondamento. Sopra le strutture portanti in legno dei solai di copertura viene poi realizzato il pacchetto di coibentazione, ventilazione, il manto di impermeabilizzazione, le lattonerie ed infine il manto finale di copertura realizzato in lamiera grecata colore testa di moro. Nel suo complesso l’intervento in progetto aspira a rappresentare un mix equilibrato tra tecnologie tradizionali e tecnologie contemporanee a secco nonché tra i caratteri tipologici e formali dell’edilizia tradizionale e i tratti più marcati e decisi di quella contemporanea, in particolare attraverso i “tagli diagonali” delle porzioni vetrate ed il “volume della copertura” in lamiera grecata. Il tutto viene comunque pensato nel rispetto dei caratteri tipici del luogo e della cultura locale.

Foto di Gioele Tagliabue

VILLA UNIFAMILIARE – TRIESTE (TS)

L’intervento riguarda opere di manutenzione straordinaria per nuova configurazione interna di una residenza unifamiliare situata in Trieste (TS).

Nella dinamica dell’intervento, passando attraverso la rimozione di vecchi elementi, quali serramenti, pareti divisorie, pavimenti e rivestimenti, sottofondi dei locali bagno e cucina, impianti idrico-sanitario ed elettrico e tegole di copertura, si è poi proceduto alla nuova realizzazione degli stessi. Non è stato invece oggetto di intervento l’impianto di riscaldamento.

Nello specifico l’insieme delle operazioni sull’esistente ha consistito nella modifica della posizione e della dimensione dei serramenti esistenti, nella modifica della configurazione di una piccola porzione del locale ad uso deposito (mantenendo identica la soluzione formale) e di opere interne non strutturali.

I nuovi ambienti sono dotati di fondazioni armate in conglomerato cementizio, realizzate mediante getto di calcestruzzo confezionato in impianto di betonaggio, con inerti ad assortimento granulometrico adeguato e vespaio areato.
Per quanto riguarda i materiali usati i sottofondi di pavimento sono stati eseguiti con impasto a 200 kg di cemento R 325, con piano di posa di spessore massimo di 6/7 cm, i tavolati interni in mattoni forati 8x24x24 cm messi in opera con malta di cemento o bastarda, i muri perimetrali con blocchi in termolaterizio, spessore 25 cm e i serramenti esterni in PVC effetto legno.
Per i rivestimenti è stato usato intnaco rustico in malta di calce idrata di cemento o bastarda nella parte relativa ai soli tavolati o alle zone oggetto di rimozione dei rivestimenti in piastrelle, mentre per quella relativa alle pareti perimetrali è stata mantenuta la scelta dell’intonaco a calce esistente.

La copertura è dotata di un pacchetto isolante termico e acustico per tetto ventilato composto da: telo traspirante impermeabile 155gr/mq graffettato; strato isolante in lana di roccia Hardrock energy densità da 90 kg/mq a 190 kg/mq, classe di resistenza al fuoco A1 e spessore 120 mm; 2° telo traspirante impermeabile 180 gr/mq graffettato; listoni in abete per contenimento isolante 50×120 mm; listoni in abete per ventilazione 40×50 m; listoni in abete portategola 25×50 mm; finitura a coppi; canali di gronda, scossaline e pluviali in rame, spessore 8/10 mm.

Sono state usate soluzioni diversificate anche per quanto riguarda le pavimentazioni, adattandosi alle varie condizioni e necessità estetico-funzionali; in particolare si è ricorso all’utilizzo di parquet nella parte relativa all’ampliamento al piano terra, a piastrelle in gres porcellanato nei locali bagno e pavimento in pietra per le zone esterne veranda e portico.

VILLA UNIFAMILIARE – ARCORE (MB)

Progettazione, direzione lavori e coordinamento della sicurezza relativi alla ristrutturazione integrale ed ampliamento con recupero sottotetto di villa unifamiliare in Arcore (MB), con nuova configurazione planimetrica e progetto degli interni.

L’intervento consiste nella ristrutturazione con recupero ai fini abitativi del sottotetto con un piccolo ampliamento dell’edificio esistente.
Le nuove strutture sono state realizzate in muratura portante e cemento armato, consistenti in nuove strutture di fondazione e travi di solaio in c.a. e murature in blocchi portanti tipo Poroton P800, spessore 25cm.
La scelta della muratura portante e del calcestruzzo come materiali per le nuove strutture è perfettamente compatibile con il progetto architettonico, senza in alcun modo interferire con l’aspetto o la prestazione attese.
La nuova struttura è stata porgettata per una vita utile di 50 anni come indicato dalla normativa vigente per “opere ordinarie, ponti, opere infrastrutturali e dighe di dimensioni contenute o di importanza normale”.
Vista la sua entità, l’intervento ha inoltre comportato l’istallazione, la trasformazione o l’ampliamento di impianti tecnologici: di produzione, trasformazione, trasporto, distribuzione, utilizzazione dell’energia elettrica, di protezione contro le scariche atmosferiche, di automazione di porte, cancelli e barriere; di riscaldamento, di climatizzazione, di condizionamento e di refrigerazione, comprese le opere di evacuazione dei prodotti della combustione e delle condense, e di ventilazione ed aerazione dei locali idrici e sanitari; per la distribuzione e l’utilizzazione di gas, comprese le opere di evacuazione dei prodotti della combustione e ventilazione ed aerazione dei locali.

Al fine di garantire un adeguato comportamento termico dell’edificio, è stato utilizzato un sistema di isolamento termico “a cappotto”, realizzato mediante impiego di pannelli in EPS (polistirene espanso sintetizzato) Classe EPS 100, conforme alla Norma UNI 13163 con marchio CE, della dimensione di 1000×500 mm, per uno spessore di 100 mm.
Il pannello isolante è stato posato mediante stesura di malta adesiva a base di calce/cemento tipo per cordoli lungo il perimetro del pannello e per punti sulla superficie (50% della superficie totale del pannello) ed inserimento di appositi tasselli, idonei al supporto su cui devono essere applicati. I pannelli isolanti in EPS sono stati rivestiti in opera con uno strato di malta adesiva rasante a base di cemento grigio tipo dello spessore = 4mm in due mani, in cui è stata annegata una rete in fibra di vetro.

Sul basamento e in facciata sono state posate lastre di rivestimento in gres, fissate all’esterno del cappotto con idoneo supporto.

Nel complesso dell’intervento sono stati altresì realizzati: una rampa di contenimento box in c.a. con armatura in Fe B 32 K in barre liscie, conglomerato cementizio realizzato mediante getto, con cemento 32.5 R ed inserti ad assoritmento granulometrico adeguato alla destinazione del getto; strutture armate in conglomerato cementizio per la realizzazione mediante getto della scala esterna, con barre in acciaio ad aderenza migliorata di qualità Fe B 32 K; parapetti e cancello carraio in acciaio zincato verniciato con lamiera microforata;

Il rapporto struttura-terreno è stato gestito tramite la posa in opera di un vespaio formato da un sottofondo di appoggio degli elementi in plastica (tipo CU\POLEX o similari) dello spessore di cm 8 con cls Rck = 15 N/mm² e getto di riempimento con cls Rck 25 N/mm², fino a costituire una solettina superiore dello spessore di minimo 3 cm, mentre il consolidamento dei solai tra piano interrato e piano terra e tra piano primo e sottotetto mediante fornitura e posa di connetori ancorati a mezzo di resine epossidiche e successivo getto in cls alleggerito tipo “Leca cls 1400 Ri” di spessore 5 cm, comprensivo di rete elettrosaldata di diametro 6-8 mm, maglia 20×20 cm.

Per la realizzazione della nuova copertura è stato utilizzato legno lamellare di abete rosso (classi GL24h) per orditure primaria e secondaria, secondo la norma UNI EN 14080:2013, acciaio S235 per eventuali piastre e bullonerie classe 4.6 e 8.8.
Per il sostegno dei travetti e la chiusura dei timpani di facciata è stata realizzata una correa perimetrale dello spessore di 25 cm.
L’isolamento termico ed acustico è ottenuto tramite un pacchetto isolante per tetto ventilato composto da: telo traspirante impermeabile 155gr/m² graffettato; doppio strato isolante in lana di roccia Hardrock energy di densità da 90 kg/m³, classe di resistenza al fuoco A1 e spessore 120 mm; 2° telo traspirante impermeabile 180 gr/m² graffettato; listoni in abete per contenimento isolante mm 50×120; listoni in abete per ventilazione mm 40×50; listoni in abete portategola mm 25×50.
Del pacchetto di copertura fanno inoltre parte: aperture tipo velux automatizzate, copertura con tegole portoghesi (compreso colmo ventilato), nuove canne fumarie, camini con rivestimento in laterizio e nuovo torrino, nuovi torrini per esalazione bagni (compresi tubazioni e rivestimento in laterizio), canali di gronda, scossaline in rame, pluviali in rame, fermaneve in rame (tutti dello spessore di 8/10 mm) e dissuasori per volatili.

INTERNI

La riqualificazione degli immobili esistenti attraverso interventi di ristrutturazione, risanamento conservativo e manutenzione straordinaria non si ferma soltanto all’involucro edilizio.

L’attività di  A3 Studio Tecnico Associato di Architettura e Ingegneria si propone di riconfigurare gli immobili oggetto di intervento sulla base delle rinnovate esigenze dei clienti, proponendo soluzioni progettuali che sappiano coniugare funzionalità, ergonomia e gusto estetico, rispettando sempre i limiti di budget prefissati.

 

Lavori Eseguiti:

1 – Monza (MB) – APPARTAMENTO

Progettazione e direzione lavori relativi a configurazione planimetrica e arredamento attico

2 – Monza (MB) – APPARTAMENTO

Progettazione, direzione lavori e coordinamento della sicurezza relativi ad opere di manutenzione straordinaria e fusione di n°2 unità immobiliari

3 – Monza (MB) – APPARTAMENTO

Progettazione, direzione lavori e coordinamento della sicurezza relativi ad opere di manutenzione straordinaria e fusione di n° 2 unità immobiliari

4 – Milano (MI) – APPARTAMENTO

Progettazione e direzione lavori relativa alla ristrutturazione appartamento con nuova configurazione planimetrica e progetto degli interni

5 – Vedano al Lambro (MB) – APPARTAMENTO

Progettazione e direzione lavori relativa alla ristrutturazione appartamento con nuova configurazione planimetrica e progetto degli interni

6 – Monza (MB) – APPARTAMENTO

Progettazione, direzione lavori e coordinamento della sicurezza relativi ad opere di manutenzione straordinaria di appartamento in Monza

7 – Milano (MI) – LOFT

Progettazione, direzione lavori e coordinamento della sicurezza relativi ad opere di cambio d’uso di unità immobiliare da commerciale a residenziale

8 – Monza – APPARTAMENTO

Progettazione e direzione lavori relativa alla ristrutturazione integrale appartamento con nuova configurazione planimetrica e progetto degli interni

9 – Monza – APPARTAMENTO

Ristrutturazione integrale appartamento con nuova configurazione planimetrica e progetto degli interni

10 – Monza – APPARTAMENTO

Ristrutturazione integrale appartamento con nuova configurazione planimetrica e progetto degli interni

11 – Monza – APPARTAMENTO

Ristrutturazione integrale appartamento con nuova configurazione planimetrica e progetto degli interni

12 – Cesano Maderno – APPARTAMENTO

Nuova configurazione zona giorno appartamento con creazione libreria ed abbassamento in cartongesso

13 – Milano (MB) – NEGOZIO GELATERIA

Progettazione, direzione lavori e coordinamento della sicurezza relativi ad opere di manutenzione straordinaria e fusione di n°2 unità immobiliari per ampliamento gelateria esistente. Progettazione degli interni a cura di Gruppo 60

14 – Bosisio Parini (LC) – NEGOZIO PANIFICIO

Progettazione, direzione lavori e coordinamento della sicurezza relativi ad opere di manutenzione straordinaria per nuova configurazione panificio esistente. Progettazione interna a cura di Gruppo 60

15 – Milano – LOFT PORTA ROMANA

Ristrutturazione integrale, risanamento conservativo con cambio d’uso da negozio a loft su 2 livelli con nuova configurazione planimetrica e progetto degli interni

16 – Sesto San Giovanni – APPARTAMENTO

Progettazione e direzione lavori relativa alla ristrutturazione appartamento con nuova configurazione planimetrica e progetto degli interni

17 – Alghero (SS) – RESIDENZA

Progettazione, direzione lavori e coordinamento della sicurezza relativi alla ristrutturazione integrale e risanamento conservativo di appartamento nel centro storico di Alghero (SS), con nuova configurazione planimetrica e progetto degli interni

Return top
 
A3 Studio Associato di Architettura e Ingegneria di Arch. Ing. Marco Bramati e Arch. Marco Paolo Galbiati - Via Bergamo 20/c Monza - P.IVA C.F. 06798500960